Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Mostra di fotografia: Felice Beato e Adolfo Farsari – Due italiani in Estremo Oriente (1863-1890)

Mostra_Alinari_web

L’Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con il Museo Nazionale della Fotografia Marubi a Scutari e la Fondazione Alinari per la fotografia è lieto di presentare la mostra Felice Beato e Adolfo Farsari – Due italiani in Estremo Oriente (1863-1890)

La mostra è curata da Fondazione Alinari per la fotografia con la consulenza scientifica di Rossella Menagazzo.

L’esposizione sigla la prima collaborazione tra le due istituzioni e presenta le opere di due autori importanti per la storia della fotografia italiana e mondiale. Felice Beato e Adolfo Farsari sono stati tra i primi ad aver fotografato l’Estremo Oriente, in particolare il Giappone, contribuendo così all’avanzamento del fenomeno culturale del Giapponesismo in Europa.

Felice Beato (1832-1909) è stato un fotografo e imprenditore italo-britannico, tra i primi fotografi a rappresentare l’Estremo Oriente, specialmente il Giappone, dove aprì uno studio in seguito a viaggi in Europa, Egitto, India e Cina. È conosciuto soprattutto per ritratti e fotografie di edifici architettonici e paesaggi di Asia e dell’area mediterranea grazie ai quali ha fornito al pubblico dell’epoca immagini di paesi, popoli ed eventi lontani e sconosciuti. Ha avuto non pochi seguaci, soprattutto in Giappone, dove insegnò e lavorò con molti artisti, lasciando un’influenza profonda e duratura.

Adolfo Farsari (1841- 1898) è stato un fotografo italo-americano, fondatore dell’ultimo importante studio fotografico occidentale in Giappone. Nato a Vicenza, si trasferì negli Stati Uniti nel 1863 dove si sposò e ottenne la cittadinanza statunitense per poi spostarsi verso il Giappone dove apprese la fotografia e aprì il proprio studio fotografico, distrutto successivamente da un incendio. Cominciò a viaggiare per il paese scattando fotografie per rimpiazzare i negativi bruciati, ricreando un ricco portfolio che espose in un secondo studio. Rientrò a Vicenza nel 1890 portando una parte di Giappone con sé in Europa.

Fondazione Alinari per la Fotografia Toscana è il nuovo organismo fondato dalla Regione Toscana il 16 luglio 2020 a Firenze, per la conservazione, gestione e valorizzazione del patrimonio fotografico Alinari. Tra gli obiettivi principali vi è il favorire la più ampia e consapevole fruizione di questo bene culturale da parte di tutti, anche attraverso la costituzione di un Museo della fotografia, e l’organizzazione di attività di educazione e di formazione, di studio, di ricerca e di restauro.

La Fondazione inoltre ha l’obiettivo di valorizzare la storia della fotografia e il suo ruolo nella società, operando anche mediante iniziative editoriali, espositive e culturali dedicate alle diverse tecniche, agli stili, agli autori, alle scuole, alle indagini critiche, in Italia e all’estero.

https://www.alinari.it/it/

Inaugurazione: 05.04.2024, 19:00h
Museo Nazionale della Fotografia MARUBI – Scutari

La mostra rimane aperta fino il 7.07.2024

  • Organizzato da: Museo Nazionale della Fotografia Marubi a Scutari e la Fondazione Alinari per la fotografia
  • In collaborazione con: IIC Tirana