Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Giuseppe Catozzella presenta l’edizione albanese del romanzo “Italiana”

G.Catozella_web

L’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con la c.e. Dudaj e COD – Center For Openness And Dialogue, presenta l’edizione albanese del romanzo “Italiana” di Giuseppe Catozzella, ospite dell’evento.

Maria Oliverio nasce a Casole, nella Sila calabrese, da una famiglia molto povera. Le strade del paese conducono alla montagna, selvaggia e oscura ma accogliente come una madre. Quelle vie Maria, che cambia il nome in Ciccilla, le percorre per combattere al fianco del capo brigante Pietro, di cui diventa moglie, trasformandosi presto nella prima e unica donna a guidare una banda contro l’esercito del re. Ciccilla passa la giovinezza nei boschi, apprende la legge della natura e impara a conoscere la montagna, a distinguere il giusto dall’ingiusto, si istruisce e non ha paura di battersi, sia quando sono in gioco i sentimenti, sia quando si tratta di ribellarsi allo status quo post risorgimentale, nel quale vede deluse le sue speranze di equità e giustizia. La foresta calabrese, in cui si rifugia per trovare la libertà, le insegna che si può ricominciare ogni volta daccapo “per conquistarsi un futuro come donna, come rivoluzionaria, come italiana di una nazione che ancora non esiste ma che forse sta nascendo con lei”.

“Italiana è un romanzo ambizioso nei temi (tocca un tema letterariamente proibito, la nascita della Nazione), nei contenuti (l’eroina che uccide la sorella), nei modi (la brigantessa, l’umile tra gli umili, la Nazione raccontata scardinando le retoriche risorgimentali in cui fermamente tuttora crediamo; certo non il romanzo borghese, ovvero la strada più ripida) e nella forma. Ma questo risultato significa che la letteratura non se ne cura, e i lettori (naturalmente) neanche.”

Giuseppe Catozzella è nato a Milano nel 1976, dove si è laureato in Filosofia teoretica.
È autore di reportage e romanzi tradotti in tutto il mondo, tra i quali il bestseller internazionale Non dirmi che hai paura (Premio Strega Giovani 2014, grazie al quale è stato nominato ambasciatore dell’Agenzia ONU per i Rifugiati), Alveare (2011), Il grande futuro (2016), e E tu splendi (2018), pubblicati da Feltrinelli. Da Mondadori sono stati pubblicati Italiana (2021) e il romanzo per ragazzi Il ragazzo contro la guerra. Una storia di Gino Strada (2022).

https://www.giuseppecatozzella.it/

Il libro è stato pubblicato grazie al contributo del MAECI.

06.03.2024 ore 18:00

COD – Center for Openness and Dialogue, Bulevardi Deshmoret e Kombit, Tirana

Ingresso libero

Lingua evento: italiano

  • Organizzato da: IIC Tirana e c.e. Dudaj
  • In collaborazione con: COD - Center for Openess and Dialogue